Universo, scoperto un esopianeta simile a Saturno

Gli astronomi hanno rilevato la presenza di questo esopianeta grazie alla tecnica del microlensing gravitazionale

Situato in quello che è noto come il ‘rigonfiamento’ della Via Lattea, gli astronomi hanno scoperto un nuovo pianeta extrasolare che non è mai stato osservato prima d’ora. L’oggetto misterioso ha una massa molto simile a quella di Giove e Saturno e orbita attorno ad una stella che presenta una massa che è la metà di quella del Sole, ad una distanza di 22.000 anni luce. La stella è ufficialmente conosciuta come OGLE-2014-BLG-1760 e la scoperta è stata effettuata studiando il movimento della luce attraverso l’esopianeta, causato da un’effetto chiamato ‘lente gravitazionale’. Quando la luce si muove in una zona abbastanza massiccia, la gravità dell’oggetto può essere così grande che lo spazio-tempo intorno ad esso tende ad incurvarsi. Ciò significa che il percorso della luce si piega intorno all’oggetto in maniera anche piuttosto pronunciata, in modo simile a come le lenti degli occhiali fanno piegare la luce.

esopianeta

Universo, scoperto un esopianeta simile a Saturno

Nello spazio questo significa che le grandi masse, nel percorso della luce, piegano la luce stessa rendendola più luminosa; utilizzando la tecnica della microlente gravitazionale, gli astronomi hanno scoperto quello che sembra essere l’esopianeta ‘gemello’ di Saturno, situato come detto nel rigonfiamento della Via Lattea. Gli scienziati, in particolare, hanno rilevato un segnale estremamente forte proveniente dalla stella OGLE-2014-BLG-1760, individuando altresì la presenza di un esopianeta gigante gassoso. Secondo la ricerca l’esopianeta presenta una massa di circa 180 volte quella della Terra e orbita intorno ad una stella ad una distanza di circa 1.75 volte la distanza tra la Terra e il Sole.

Lascia un commento

*