Proxima B, il pianeta abitabile potrebbe essere avvolto da un oceano

Un immenso oceano potrebbe avvolgere Proxima B, la rilevazione del Laboratorio Astrofisica di Marsiglia.

Sono passati pochi mesi dall’annuncio della scoperta di Proxima B, un pianeta relativamente vicino alla Terra ed adatto a favorire lo sviluppo di vita extraterrestre. Le prime osservazioni realizzate hanno permesso di risalire alle caratteristiche del corpo celeste, probabilmente roccioso ed in grado di ospitare anche grandi quantità di acqua. Ma nuove clamorose informazioni sono giunte dal Laboratorio Astrofisico di Marsiglia che sostiene di aver rilevato una quantità di prove sufficienti a sostenere che Proxima B sia ricco di acqua, ma non solo. Secondo i ricercatori, infatti, il pianeta potrebbe essere interamente ricoperto da un vasto oceano.

oceano

Proxima B, il pianeta abitabile potrebbe essere avvolto da un oceano

In realtà gli scenari sono due. Se il raggio del pianeta è pari a 5.990 chilometri il corpo celeste potrebbe essere composto da un nucleo metallico ed un mantello roccioso. Il tutto sarebbe accompagnato da una quantità d’acqua pari allo 0,05% dell’intera massa. Una situazione simile alla Terra con oceani e mari di diverse dimensioni. Nell’altra ricostruzione possibile, che prende in considerazione un raggio pari ad 8.920 chilometri, la quantità di roccia ed acqua si dovrebbero equivalere ed il pianeta dovrebbe essere interamente ricoperto da un immenso oceano dalla profondità di 200 chilometri.

Lascia un commento

*