Casper, l’incredibile polpo fantasma è a rischio estinzione

Il polpo Casper, un animale davvero straordinario scoperto nei fondali dell'Oceano Pacifico, è a rischio estinzione a causa degli smartphone.

Sembrerebbe un animale appena uscito da un cartone animato. E’ il polpo Casper, il cefalopode scoperto dagli esperti ad una profondità di 4,3 chilometri a largo delle Isole Hawaii grazie agli strumenti della NOOA, l’ente che da anni si occupa di analizzare i fondali oceanici. Non è solo l’aspetto, davvero particolare, a rendere il polpo Casper unico. Anche l’ambiente nel quale è stato rilevato è davvero straordinario: gli studiosi hanno sottolineato come mai, fino ad ora, erano riusciti ad avvistare esemplari di polpo a profondità così estreme. Anche le caratteristiche generali dell’animale hanno destato non poca curiosità. Una consistenza gelatinosa, ma soprattutto dei tentacoli del tutto diversi dagli altri esemplari, rendono il cefalopode una specie quanto mai unica.

polpo-casper

Gli esperti, impegnati ad analizzare le abitudini dell’animale, hanno osservato come, di solito, le femmine depongano le uova solo in determinate in spugne depositate su strati di noduli di manganese. Si tratta di una sostanza da sempre oggetto dell’estrazione mineraria ed indispensabile per la realizzazione degli smartphone. Insomma il polpo Casper è stato scoperto da pochi mesi ed è già catalogabile come a rischio estinzione. E’ necessario, sottolineano gli esperti, realizzare preventivamente delle indagini più approfondite sull’impatto ambientale prima di perforare i fondali oceanici.

Lascia un commento

*