Egitto: pittura neolitica incredibilmente simile alla Natività Cristiana

Una pittura del tutto simile alla Natività cristiana con una donna, un uomo, un astro e due animali.

Una scoperta davvero incredibile quella realizzata da un team di ricercatori italiani del Museo di Scienze Planetarie di Prato. Si tratta di una pittura rupestre, rilevata in una grotta, che raffigura una scena molto somigliante alla Natività cristiana. Due genitori, con al centro il piccolo, ed in alto quello che sembrerebbe un astro. Poco lontano sono rappresentate altre due figure: si tratta di animali, probabilmente una scimmia e forse un leone acefalo. La scoperta è stata realizzata nella Valle del Nilo, in un’area intensamente abitata nel Neolitico.

nativita

Egitto: pittura neolitica incredibilmente simile alla Natività Cristiana

La rappresentazione adorna il soffitto di una grotta, chiamata “Grotta dei Genitori” ed è stata realizzata da una tribù di raccoglitori e cacciatori. La somiglianza con la Natività cristiana ha sorpreso non poco gli esperti che hanno ipotizzato come possa trattarsi di una raffigurazione classica di quella civiltà o una sorta di augurio rituale per la nascita di un bimbo. Ma le scene disegnate nell’area sono davvero tante. Quasi tutte rimandano al mondo familiare accompagnate da rappresentazioni di caccia, balli o di vita quotidiana. Quella della Natività si tratta di una scena inedita nelle pitture, fino all’era paleocristiana.

Fonte: http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/terrapoli/2016/12/22/la-nativita-piu-antica-ha-5.000-anni-scoperta-da-italiani_491f5a72-2e2a-49b0-b31b-ae3f0cc65287.html

Lascia un commento

*