Nazca: scoperte nuove linee nel deserto

Linee che mostravano percorsi da seguire ed antichi rituali sono state scoperta da un team di esperti poco lontano dai disegni di Nazca.

Non si fermano le sorprese sulle linee di Nazca. Nuove misteriose formazioni, realizzate oltre un millennio e mezzo fa, sono state rivelate grazie alle analisi degli esperti. Sono le analisi satellitari a mostrare nuovi particolari e geroglifici fino ad ora inediti. Si tratta di disegni davvero curiosi che compongono trapezi, rettangoli, linee rette e disegni a forma di zig zag. Le linee appena scoperte si trovano tutte nell’area della pampa de Atarco, una zona desertica poco analizzata dagli esperti. I disegni si snodano a poca distanza da Cahuachi, la città più importante, dal punto di vista religioso, della civiltà di Nazca. E sarebbe proprio la presenza di questo antichissimi insediamento a rappresentare la chiave di lettura per interpretare queste nuove linee.

Nazca: scoperte nuove linee nel deserto

In questa zona i disegni non assumono forme antropomorfe né animali, ma appaiono come dei percorsi da seguire. Un lungo cammino rituale sarebbe quindi tracciato sulla superficie del deserto dal popolo di Nazca. Tutte le linee, sottolineano gli esperti, convergono verso quattro piramidi di Cahuachi creando particolari effetti speciali dal forte impatto sui fedeli in processione. Le piramidi, realizzate nella città sacra, sono oltre quaranta, tutte realizzate attraverso dei terrazzamenti del terreno. Con lo sconvolgimento prodotto da eventi climatici estremi, gli antichi persero la fiducia nei sacerdoti abbandonando per sempre le strutture.

Lascia un commento

*