La masturbazione diminuisce il rischio di cancro alla prostata

Masturbarsi 21 volte al mese, secondo gli studiosi, abbatte il rischio di cancro alla prostata del 33%.

Una ricerca condotta dall’Università di Harvard ha rilevato come la masturbazione o il sesso siano in grado di ridurre l’incidenza del cancro alla prostata anche di un terzo. Gli studiosi sono giunti a questa conclusione dopo aver analizzato un campione di 32.000 uomini a cui è stato chiesto di rispondere ad alcuni test incentrati sulle abitudini sessuali. Gli esperti hanno successivamente seguito l’evoluzione dello stato di salute dei soggetti per diciotto anni. Durante il periodo analizzato gli studiosi hanno riscontrato la patologia in 4mila uomini, la maggior parte dei quali eiaculava tra le tre e le quattro volte in ogni mese.

La masturbazione diminuisce il rischio di cancro alla prostata

Alla luce dei dati è emerso, inoltre, che tra gli uomini che si masturbavano per almeno ventuno volte nello stesso periodo, l’incidenza era del 33% inferiore. Naturalmente i dati sono stati valutati alla luce di fattori determinanti come l’indice di massa corporea, la sedentarietà, il consumo di alcol e le malattie sessualmente trasmissibili. Anche se l’origine della correlazione tra la masturbazione ed il sesso con il cancro alla prostata appare sconosciuta, gli esperti hanno ipotizzato che ciò potrebbe dipendere dalla liberazione delle tossine e dei batteri dalla ghiandola che avviene con l’eiaculazione, un processo in grado di evitare la cosiddetta stagnazione prostatica.

Lascia un commento

*