Scoperte tracce di coronavirus negli occhi di donatori

Un team di esperti americani ha rivelato tracce di COVID-19 in alcuni pazienti morti.

Tracce di coronavirus sono state rilevate negli occhi di alcuni pazienti deceduti per l’infezione da COVID-19. Nell’ambito di uno studio specifico sugli occhi, gli esperti del Centro di ricerca Eye and Vision Bank di Eversight (Ohio, USA) hanno eseguito una serie di autopsie per valutare il tessuto oculare di 10 donatori risultati positivi al coronavirus, dopo la loro morte. Negli occhi, gli esperti hanno individuato tracce del genoma della SARS-CoV-2 nei venti casi analizzati, localizzando il virus tra la cornea anteriore e posteriore.

Scoperte tracce di coronavirus negli occhi di donatori

Il virus è stato rilevato anche nella congiuntiva, ovvero nel tessuto che riveste l’interno delle palpebre come anche nel corpo vitreo, una massa gelatinosa, trasparente e incolore che riempie l’occhio. L’autore principale dello studio, Onkar B. Sawant, ha spiegato a Newsweek come la ricerca, la prima nel suo genere, potrebbe aiutare gli oftalmologi a garantire una maggiore sicurezza nella donazione di tessuto oculare e per il trapianto di cornea. “La motivazione principale che ci ha spinto allo studio è garantire tessuti sani e sicuri per i chirurghi e i loro pazienti – ha detto Sawant – oltre che spingere l’intera comunità scientifica a realizzare ricerche specifiche sul rapporto tra gli occhi e il SARS-CoV-2: un virus nuovo che dobbiamo ancora conoscere a fondo“.