Salute: la minaccia dei superbatteri tra le conseguenze del COVID

L’emergenza dei batteri resistenti agli antibiotici potrebbe peggiorare dopo l’arrivo del coronavirus se le autorità sanitarie non intervengono.

Mentre il mondo lotta per porre fine alla pandemia da COVID-19, gli esperti avvertono dell’arrivo di un’altra minaccia globale. Si tratta dei batteri resistenti agli antibiotici che, come spiegano gli studiosi, non ricevono la stessa attenzione del COVID-19, per i tempi molto più prolungati attraverso i quali si diffondono le malattie. Ma i rischi legati ai batteri potrebbero essere paragonabili, in futuro, al coronavirus. E tutto ciò potrebbe accadere in tempi molto più lunghi. Secondo il CDC, l’organismo di controllo sulla sanità pubblica americana, quasi 3 milioni di americani, ogni anno, contraggono un’infezione batterica resistente agli antibiotici. Di questi, circa 35.000 muoiono. A livello globale, circa 700.000 perdono la vita ogni anno a causa di queste infezioni. L’Organizzazione Mondiale della Sanità prevede che, ai tassi attuali, circa 10 milioni di persone potrebbero morire ogni anno per le patologie legate agli antibiotici resistenti entro il 2050.

Salute: l’arrivo di superbatteri tra le conseguenze del COVID


La causa è la prescrizione eccessiva di antibiotici e del largo impiego negli allevamenti di bestiame. Già oggi, molte infezioni batteriche, compresi i ceppi di gonorrea, tubercolosi e salmonella, sono diventate estremamente difficili, a volte addirittura impossibili, da trattare. Questo perché la piccola porzione di batteri che sopravvive a questi antibiotici si evolve e si riproduce, sviluppando resistenza. In tutto il mondo, 230.000 muoiono ogni anno a causa della sola tubercolosi resistente agli antibiotici. “È sempre più probabile che quell’infezione batterica sarà molto difficile da trattare se non incurabile – ha detto Sarah Fortune, professoressa di immunologia e malattie infettive all’Università di Harvard. Steffanie Strathdee, docente di medicina presso l’Università della California, San Diego, in un‘intervista ad Business Insider, ha dichiarato come il mondo scientifico non stia affrontando con decisione la minaccia. “A differenza del COVID-19, che è arrivato all’improvviso, la crisi dei superbatteri continua a ribollire. È già una pandemia, una crisi globale che sta peggiorando con il COVID“. Tom Frieden, ex direttore del CDC e CEO di Resolve to Save Lives, ha aggiunto a Insider come il governo degli Stati Uniti ha bisogno di un ”approccio più aggressivo e sfaccettato” per combattere quelli che chiama “batteri da incubo“. Gran parte dell’attenzione e delle risorse che sarebbero dedicate alla minaccia dei batteri sono attualmente dirette al tentativo di sconfiggere COVID-19, ha detto Strathdee. In questo senso, la pandemia di coronavirus potrebbe non fare altro che peggiorare il problema dei batteri resistenti agli antibiotici. Già a luglio, l’OMS ha chiesto un uso più attento degli antibiotici tra i pazienti affetti da COVID-19 per cercare di frenare la minaccia della resistenza agli antibiotici. Uno studio realizzato a maggio ha rilevato come su 2.000 pazienti COVID-19 ospedalizzati in tutto il mondo, il 72% ha ricevuto antibiotici anche se solo l’8% aveva documentato infezioni batteriche o fungine.