Monopattini omologati: guida all’acquisto

Monopattini omologati: ecco le dritte per scegliere il veicolo più smart e green che ci sia!

Se ti stai chiedendo che ruolo ha l’omologazione nell’utilizzo del dueruote, eccoti servito. Parliamo di una necessità, non di una banale questione dettata dalla burocrazia. Per la circolazione in strada è fondamentale munirsi di monopattini omologati, ma non solo per questo motivo.

Omologato vuol dire rispettoso degli standard di sicurezza per cui, se ci teniamo alla nostra salute oltre che a quella degli altri, è bene non trascurare questo aspetto.

Acquistare monopattini omologati significa comprare prodotti testati corrispondenti a campioni depositati in qualità di modelli o, comunque, rispondenti a specifiche normative.

Lo scopo dell’omologazione è far sì che restino invariate le caratteristiche che il prodotto possiede al momento dell’immatricolazione.

Un mezzo di trasporto non omologato può circolare solo in strade private altrimenti vi sono sanzioni o sequestro dello stesso. Quindi, i mezzi di trasporto non omologati che circolano su un suolo pubblico, non sono riconosciuti dalle autorità competenti .

Tutti i veicoli che hanno velocità maggiore di 6 km orari vanno omologati per legge per cui tutti i monopattini elettrici devono esserlo, a differenza delle bici a pedalata assistita. Ciò significa che i monopattini elettrici devono essere omologati per poter circolare sul suolo pubblico proprio perché la loro velocità raggiunge anche i 20km.

Secondo la Direttiva 2002/24/CE i monopattini elettrici per poter circolare su strada devono essere immatricolati e il conducente deve essere provvisto di assicurazione e libretti di circolazione.

Caratteristiche di un monopattino omologato

Quando si parla di omologazione si fa riferimento, in particolare, alle seguenti caratteristiche:

  • motore (sceglilo di 600 W per strade in collina);
  • ruote (grandi per velocità maggiori e strade sconnesse, piccole per pendenze o in città);
  • telaio (la resistenza dei materiali è fondamentale);
  • peso supportato (dai 70 ai 140 kg per modelli professionali).

Rientra nella sfera della sicurezza il sistema di frenata che deve garantire prestazioni elevate per evitare rischi pericolosi. I monopattini omologati possono essere dotati di diverse tipologie di freni:

  • a tamburo;
  • a disco;
  • a pedale.

Quelli che hanno una risposta migliore sono i freni a disco, specie in caso di fenomeno di acquaplaning, una condizione molto pericolosa in cui l’attenzione e la reazione dei conducenti sono fondamentali.

Il funzionamento dei freni dei monopattini omologati può essere di tipo:

– elettronico;

– meccanico;

– rigenerativo.

Ognuno dei tre ha vantaggi e svantaggi che ti elenchiamo di seguito.

Il sistema di frenata meccanico esige maggiore forza fisica rispetto ai sistemi più confortevoli.

Il sistema di frenata elettrico è più pratico perché è attivabile comodamente da tasti senza sforzi muscolari e può essere inserito o disattivato nella fase di start o di spegnimento del veicolo.

Il sistema di frenata rigenerativo agisce maggiormente sulla batteria che potrebbe risultare usurata a lungo andare poiché ad ogni frenata si ricarica, proprio come avviene per le auto elettriche.

Chi intende acquistare un mezzo green deve prestare la massima attenzione scegliendo monopattini sicuri e omologati.

Ora hai a tua disposizione tutte le info fondamentali per un buon acquisto.