Hacker rubano oltre seicento milioni di dollari in criptovalute. È il peggiore attacco di sempre

È stato definito il più grave attacco hacker mai registrato nel settore delle criptovalute quello avvenuto nelle ore scorse ai danni degli utenti di piattaforme di exchange. Ad essere oggetto dell’attacco è stato il protocollo cross-chain Poly Network, utilizzato da milioni di utenti per scambiare token su vari blockchain; il bottino per gli hacker è stato di 611 milioni di dollari. Ad annunciarlo è la Poly Network nel pomeriggio di oggi attraverso il suo l’account Twitter. Siamo spiacenti di annunciare che #PolyNetwork è stato attaccato su @BinanceChain @ethereum e @0xPolygon. […] Chiediamo ai miner delle blockchain interessate e agli utenti dei principali exchange di criptovalute interessati di inserire nella blacklist i token provenienti dagli indirizzi citati”.

Hacker rubano oltre seicento milioni di dollari in criptovalute. È il peggiore attacco di sempre

Gli asset violati comprendono 273 milioni di dollari in token della criptovaluta Ethereum, 253 milioni di dollari in token per Binance Smart Chain e 85 milioni di dollari in USDC della piattaforma Polygon mentre Tether ha provveduto a bloccare oltre 33 milioni di dollari in token aggiungendoli alla lista nera, fermando altri spostamenti in attesa di individuare l’hacker e il portafoglio colpito. Secondo Changpeng Zhao, CEO dell’exchange di criptovalute Binance ”Non ci sono garanzie, ma faremo il possibile” assicurando come la piattaforma stia provvedendo ai controlli del caso. Secondo le prime ricostruzioni gli hacker avrebbero realizzato una firma fasulla per realizzare transazioni in modo da rubare i gli asset. Nel frattempo anche altri servizi che utilizzano Poly Network per lo scambio di token tra diversi blockchain hanno sospeso la funzionalità in attesa che la problematica si risolva. Poly Network ha annunciato che agirà per vie legali per perseguitare gli hacker.