Maltempo fine settimana: riduzione dei fenomeni sull’Italia

Ne avevamo già parlato: i modelli matematici riducono la presenza di temporali e fenomeni sull'Italia

La tendenza meteo che vi proponiamo questa sera non è quella che molto di voi si aspettavano. Come spessissimo accade con l’ambito meteorologico, man mano che ci avviciniamo ad un evento si concretizza un graduale ridimensionamento della situazione. Ora vi parleremo esclusivamente del maltempo (anche se a breve vi mostreremo un analisi sul ridimensionamento corposo del calo termico) che alla luce delle emissioni modellistiche serali è stato notevolmente ridimensionato. 

Maltempo fine settimana: riduzione dei fenomeni sull'Italia

Maltempo fine settimana: riduzione dei fenomeni sull’Italia

Sono attesi forti temporali sia nella giornata di Sabato 23 che in quella di Domenica 24 Luglio sul Triveneto, sulle zone interne del Centro, sull’entroterra di Sardegna, Sicilia, Puglia, Calabria, Campania e Molise, con possibili sconfinamenti fin sui litorali e conseguenti grandinate e nubifragi, proprio come accaduto oggi a Napoli e su molte zone della Campania (anche con danni seri). Resteranno probabilmente a secco il Nord-Ovest italiano, gran parte di Toscana, Lazio, Umbria, Sardegna occidentale, Sicilia meridionale e Puglia, ma gran parte delle zone centrali e le aree adriatiche (escluso il Triveneto) riceveranno poche precipitazioni, la cui evoluzione sarà tutta da chiarire. Per quanto riguarda il calo termico, purtroppo nessun freddo arriverà e si tradurrà in tre giorni di temperature in media al Centro-Nord ad eccezione del Lazio, per la quale le temperature resteranno al di sopra dei 31/32°C.