Un incredibile filmato mostra come le piante “respirano”

La clip in primo piano è stata catturata dai biologi dell’Università della California di San Diego durante una ricerca finanziata dalla US National Science Foundation.

Durante le riprese della flora, i biologi hanno scoperto come le piante usano i loro stomi – minuscole aperture comunemente note come “bocche” – per dirigere la loro respirazione di anidride carbonica. Sapere come le piante usano i loro stomi per aprirsi e chiudersi in risposta ai cambiamenti dei livelli di anidride carbonica potrebbe consentire agli scienziati di produrre raccolti abbastanza robusti per un ambiente in evoluzione. “I ricercatori sperano che lo sfruttamento di questo meccanismo possa portare alla futura ingegneria dell’efficienza dell’uso dell’acqua delle piante e dell’assunzione di carbonio, fondamentali poiché la concentrazione atmosferica di anidride carbonica continua ad aumentare”, ha detto al South. “Quando gli stomi sono aperti, l’interno della pianta è esposto agli elementi e l’acqua della pianta si perde nell’aria circostante, che può seccarli”, ha spiegato Dashoff. “Le piante, quindi, devono bilanciare l’assunzione di anidride carbonica con la perdita di vapore acqueo controllando per quanto tempo gli stomi rimangono aperti”. Il leader della ricerca, Julian Schroeder, ha aggiunto: “La risposta ai cambiamenti è fondamentale per la crescita delle piante e regola l’efficienza della pianta nell’utilizzo dell’acqua, il che è importante in quanto assistiamo a un aumento della siccità e dell’aumento delle temperature”. Man mano che il clima cambia, aumentano sia la concentrazione di anidride carbonica atmosferica che la temperatura, influenzando l’equilibrio tra l’ingresso di anidride carbonica e la perdita di vapore acqueo attraverso gli stomi.

Se le piante, in particolare colture come grano, riso e mais, non riescono a raggiungere un nuovo equilibrio, rischiano di seccarsi, gli agricoltori rischiano di perdere una produzione preziosa e più persone in tutto il mondo rischiano di soffrire la fame. “Gli scienziati hanno capito da tempo gli stomi e l’equilibrio tra l’assunzione di anidride carbonica e la perdita di acqua”, ha affermato Dashoff. “Ma quello che non sapevano, fino ad ora, è come le piante percepiscono l’anidride carbonica per segnalare agli stomi di aprirsi e chiudersi in risposta al cambiamento dei livelli di anidride carbonica”. Sapere questo consentirà ora ai ricercatori di modificare quei segnali – in modo che le piante possano trovare il giusto equilibrio tra l’assunzione di anidride carbonica e la perdita di acqua – e consentire a scienziati e coltivatori di piante di produrre raccolti abbastanza robusti per l’ambiente del futuro. Dashoff ha aggiunto che i ricercatori sono così entusiasti delle loro scoperte che ora hanno depositato un brevetto e stanno esaminando i modi per tradurre le loro scoperte in strumenti per allevatori e agricoltori.