La Sfida di Voyager 1 nello Spazio Interstellare

Voyager 1 sfida il vuoto interstellare con problemi tecnici e dati inutilizzabili, minacciando la missione e la conoscenza spaziale.

Vista della Voyager 1 del Sistema Solare.
Vista della Voyager 1 del Sistema Solare. (NASA, ESA e G. Bacon (STScI).)

La sonda Voyager 1 ha compiuto un viaggio straordinario, superando l’eliopausa e dirigendosi verso lo spazio interstellare, più lontano di qualsiasi oggetto creato dall’uomo. Durante questa epica avventura, ha trasmesso preziosi dati sulla Terra, ampliando la nostra conoscenza dello spazio interstellare al di là del Sistema Solare. Sorprendentemente, tutto ciò è stato possibile con soli 69,63 kilobyte di memoria e utilizzando in parte il linguaggio informatico arcaico Fortran 5.

La responsabile del progetto Voyager, Suzanne Dodd, ha sottolineato che il pulsante per aprire la porta di un’auto ha una potenza di calcolo superiore rispetto alle sonde Voyager. È davvero straordinario che queste sonde abbiano continuato a volare per oltre 46 anni, affrontando sfide e problemi lungo il cammino, compreso l’ambiente ad alta radiazione che attraversano.

Nel corso della missione, si sono verificati diversi inconvenienti, come il misterioso invio di dati telemetrici lo scorso anno, probabilmente dovuto al passaggio dei dati attraverso un vecchio computer di bordo non funzionante da tempo. Anche se questo problema è stato risolto nell’agosto 2022, un nuovo e frustrante inconveniente è emerso nel settembre 2023.

Il team di ingegneria della NASA Voyager ha scoperto che la sonda stava trasmettendo dati in un modo anomalo: anziché il normale codice binario, inviava solo una sequenza alternata di 1 e 0. Questo ha reso la comunicazione con la Terra difficile, sostituendo la voce di Voyager con un monotono segnale acustico.

Gli scienziati non ricevono più dati scientifici o aggiornamenti sullo stato della sonda, poiché il problema sembra essere legato al Sistema di Dati di Volo, uno dei computer di bordo. Il team sta lavorando intensamente per risolvere l’anomalia, ma il processo potrebbe richiedere mesi, poiché ogni comando deve essere attentamente valutato per evitare conseguenze indesiderate sul veicolo spaziale.

Nonostante i tentativi di ripristinare il computer, Voyager continua a inviare dati inutilizzabili. La NASA ha dichiarato che risolvere le sfide tecniche delle sonde spesso richiede la consultazione di documenti originali scritti decenni fa, aggiungendo ulteriori complicazioni al processo di risoluzione del problema.

Il problema persiste da mesi senza soluzione in vista, e la mancanza di dati scientifici preoccupa gli scienziati, poiché non sanno in che ambiente si trovi attualmente la sonda. Inoltre, il sistema di alimentazione al plutonio sta esaurendo, rendendo urgente la risoluzione del problema per evitare il progressivo spegnimento degli strumenti scientifici dell’astronave.

Secondo le previsioni della NASA, nel 40.272 d.C., Voyager 1 si avvicinerà a 1,7 anni luce di una stella oscura nella costellazione dell’Orsa Minore chiamata AC+79 3888, segnando la fine della missione scientifica. Linda Spilker, scienziata del progetto Voyager al Jet Propulsion Laboratory della NASA, ha confermato che l’astronave continuerà il suo viaggio nello spazio interstellare, incapace di trasmettere dati sulla sua esplorazione futura.

Links: