Coronavirus, Kluge (Oms): “Il vaccino non è una bacchetta magica”

“Cento anni fa abbiamo avuto l’influenza spagnola, e qual è stata la migliore strategia? La stessa di adesso: lavarsi le mani e prendere le distanze“.

“Tutti pensano che il vaccino sia un panacea ma non sappiamo se funzionerà in tutte le fasce d’età”. A sottolinearlo è stato il responsabile europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Hans Kluge nel corso di un’intervista al Daily Mail, spiegando che il tanto atteso vaccino potrebbe certamente funzionare ma non rappresentare la tanto agognata “bacchetta magica” ovvero l’arma per sconfiggere definitivamente il Covid-19 e fermare la pandemia che ha già portato ad oltre 10 milioni di contagi e mezzo milione di vittime nel mondo. Secondo Kluge è fondamentale continuare a lavarsi le mani e mantenere le distanze indipendentemente dal fatto che un vaccino arrivi o meno in tempi brevi.

Dal momento che è probabile che prima di ottenerlo occorra ancora molto tempo: secondo Kluge potrebbe volerci un anno ma non è cosa certa. Pertanto ha affermato: “Prima di tutto non sappiamo se un vaccino funzionerà in tutte le fasce d’eta’. E nessuno sa (quando sarà pronto). Il mio sogno sarebbe tra un anno: è possibile ma è anche molto probabile che non sarà tra un anno. E poi tutti ne parlano come se fosse una bacchetta magica. Assolutamente no: cento anni fa abbiamo avuto l’influenza spagnola, e qual è stata la migliore strategia? La stessa di adesso: lavarsi le mani e prendere le distanze“.