Singapore: in progetto una batteria più ecologica e smaltibile, dal litio al sodio

Da Singapore lo studio di una batteria “rivoluzionaria” che può cambiare la transizione.

batteria al sodio
Fonte: Eurocar Snc

Buone notizie per chi vorrebbe passare ad un’auto elettrica ma è titubante; è allo studio una nuova batteria dalla carica veloce e facilmente smaltibile.  Lo annuncia un gruppo di ricercatori della National University of Singapore (Nus) guidati da un italiano, il professor Pieremanuele Canepa, che ha sviluppato un nuovo elettrolita solido a base di ioni di sodio che andrà a sostituire il litio, e che consentirà la carica ultra veloce della batteria.

Una speciale batteria che avrà anche altri impieghi, ad esempio nella telefonia; più sicura, più ecologica e soprattutto più economica. I risultati dello studio pubblicati su Nature affermano: “L’affidabilità delle batterie ricaricabili e di altri dispositivi di accumulo di energia dipende dalla consegna rapida di ioni tra gli elettrodi. Nelle batterie ricaricabili, la sicurezza e le prestazioni degli elettroliti sono importanti quanto gli altri componenti della batteria, come gli elettrodi. Le batterie completamente allo stato solido, in cui gli elettroliti liquidi vengono sostituiti da conduttori solidi a ioni rapidi, offrono un percorso promettente per batterie commerciali a base di litio e sodio più sicure.”

Tra i problemi che gli scienziati hanno cercato di risolvere c’è il rischio connesso all’uso di elettroliti liquidi nelle batterie al litio, che sono infiammabili. Per questo Canepa spiega: “La sfida è stata trovare alternative più sicure in grado di competere in termini di velocità di ricarica, longevità e capacità di ricarica potenziale con le batterie agli ioni di litio”.

L’alternativa dunque è l’impiego di materiali ceramici non infiammabili, noti come elettroliti solidi, una composizione denominata dagli scienziati NASICON, Natrium Super Ionic Conductors. Sempre Canepa sottolinea: “La maggior parte del litio nel mondo, che è di per sé un elemento abbastanza raro, proviene da pochi luoghi, principalmente Cile, Bolivia e Australia. L’uso di una batteria che si basa sul sodio, tuttavia, è molto più efficiente, poiché il sodio può essere estratto facilmente e anche in modo pulito, anche in un luogo piccolo come qui a Singapore.”