Aumentare l’aspettativa di vita di 23 anni: le abitudini da seguire secondo gli esperti

Una ricerca, presentata dall’American Society of Nutrition ha indicato sei abitudini in grado di prolungare l’aspettativa di vita.

Negli Stati Uniti, i ricercatori hanno condotto uno studio osservazionale con più di 700.000 veterani di guerra tra il 2011 e il 2019, rivelando 8 abitudini che possono aiutare a vivere 24 anni in più. I risultati sono stati presentati a Boston al meeting annuale dell’American Society of Nutrition. Le analisi hanno preso in considerazione vari dati che riguardavano l’attività fisica, il sonno, la dieta, l’uso di alcol e la salute mentale dei partecipanti. Tra i 9 anni dell’indagine, sono morti più di 30.000 volontari. Gli scienziati hanno notato abitudini associate a minori rischi di morte, praticate da chi è sopravvissuto, e che possono garantire qualche anno in più, se adottate a 40 anni. In uno studio osservazionale con americani, gli scienziati hanno scoperto 8 abitudini che riducono le possibilità di morte prematura. Le abitudini che assicurano una vita più lunga

Mangiare sano;
Avere un sonno di qualità;
Praticare regolarmente esercizi fisici;
Impara a gestire lo stress;
Ridurre il consumo di bevande alcoliche;
Evitare di fumare;
Avere buone relazioni sociali;
Non usare oppioidi.

È interessante notare che gli oppioidi sono un problema serio negli Stati Uniti, dove questo tipo di farmaco è comune per la gestione del dolore. L’abuso di questo tipo di farmaco, insieme alla mancanza di attività fisica, ha avuto la più forte associazione con un aumento del rischio di morte prematura, stabilendosi tra il 30% e il 45% durante gli anni dello studio.

Dieta sana


Secondo gli esperti è importante avere una dieta sana ed equilibrata, che contiene carboidrati, proteine ​​e grassi nella giusta misura, senza eccessi, e con molti liquidi. Gli studiosi sottolineano, tuttavia, che è meglio iniziare ad adottarla presto, non solo dopo i 40 anni. Nella vecchiaia, quello che di solito si fa è adattare la dieta a causa delle difficoltà a mangiare – in caso di denti in cattive condizioni o con protesi, può essere difficile consumare carne, cambiando la fonte di proteine ​​​​a verdure e cereali. Inoltre, frutta e verdura dovrebbero essere consumate anche per soddisfare il fabbisogno di micronutrienti dell’organismo (vitamine e minerali).

Buona qualità del sonno


Per quanto riguarda il sonno, sappiamo che le persone anziane tendono a dormire di meno, ma, secondo gli esperti ciò che accade è che il sonno diventa più leggero.

Quando dormiamo, attraversiamo diverse fasi del sonno, dal più leggero al più profondo, come ad esempio il REM. La tendenza, con l’avanzare dell’età, è quella di rimanere nelle fasi profonde per meno tempo, rendendo più facile svegliarsi durante la notte, soprattutto quando altri problemi, come la vescica piena, innescano il risveglio. Questo di per sé non peggiora il sonno, ma è necessario prestare attenzione a quanto siamo riposati al risveglio.

Esercizi fisici

In termini di attività fisica, gli esperti commentano che gli anziani possono, sì, esercitare attività fisica, così come le persone di tutte le età. L’ideale è non fermarsi mai.

L’importante è fare esercizi aerobici, che migliorano le prestazioni cardiovascolari, l’umore e il respiro e generano dimagrimento, che possono aiutare a controllare la pressione arteriosa e l’indice glicemico, evitando ad esempio diabete e colesterolo. Importante è anche l’esercizio di resistenza, ovvero il bodybuilding, che richiede forza muscolare e resistenza, o pilates e alcuni tipi di fisioterapia. Questo genera guadagno o mantenimento della massa muscolare, importante anche per la salute.

Stress, vita sociale e qualità della vita

Per quanto riguarda lo stress, uno dei grandi mali della società moderna aumenta il rischio di morte per cancro fino al 14%. Lo stress può essere controllato bilanciando aspetti della vita, come il tempo libero, il lavoro e l’esercizio fisico – a tutte le età. L’importante è cercare l’equilibrio, non trascurando la cura di sé in relazione alla cura degli altri e del proprio lavoro.

Gli anziani spesso sono lontani dalla famiglia, ma è importante cercare gruppi per anziani e creare legami attraverso nuove amicizie. La solitudine può essere peggiore delle sigarette per la longevità .

Dipendenze, droghe e oppioidi

Le ultime questioni, infine, sono legate alle dipendenze, che sono legate a tutte le questioni discusse: chi mangia bene e si prende cura delle proprie abitudini difficilmente sarà un fumatore (il che può anche ridurre le dimensioni del cervello) o alcolista, ma è importante sottolineare che questo consumo è dannoso per la salute.

Fumare e bere troppo alcol porta a un rischio di morte fino al 20% più alto, insieme a stress, scarsa igiene del sonno e cattiva alimentazione. Fumare e bere sono tra le abitudini che possono aumentare il rischio di morte prematura fino al 20%, quindi è meglio evitare il fumo e il consumo eccessivo di alcol fin dalla tenera età. Nello studio, uomini e donne che hanno adottato tutti e 8 i suddetti trattamenti hanno guadagnato tra 23,7 e 22,6 anni di aspettativa di vita in più quando hanno intrapresi già all’età di 40 anni. L’effetto è stato minore in coloro che hanno iniziato le attività all’età di 60 anni, ma era ancora presente. Poiché la ricerca era basata sull’osservazione, tuttavia, va notato che la relazione potrebbe non essere così diretta, con altri aspetti che non tengono conto dell’aspettativa di vita.

Fonte:

https://nutrition2023.eventscribe.net/agenda.asp?startdate=7/24/2023&enddate=7/24/2023