Il mistero di Zoozve: la luna che non esiste

Un thread su Twitter rivela il mistero di una presunta luna di Venere chiamata Zoozve, che si rivela essere l’oggetto 2002 VE 68. Questo quasi-satellite del Sistema Solare ha un’orbita insolita e potrebbe provenire da altrove.

Venere
Venere catturata dalla sonda solare Parker della NASA. (NASA/APL/NRL)

Un thread di X (Twitter) è stato ampiamente condiviso nel weekend, in cui l’ospite di Radiolab Latif Nasser ha spiegato come ha indagato sul mistero di una luna etichettata come “Zoozve” sul poster di astronomia di suo figlio di 2 anni.

Aver notato l’etichetta, ha naturalmente cercato su Google e ha scoperto il fatto confermato dalla NASA che Venere non ha lune.

Ulteriori ricerche su “Zoozve” non hanno trovato alcun riferimento e un amico alla NASA non aveva idea a cosa si riferisse. Nasser ha chiamato l’illustratore, che ha giurato di aver preso il nome da un elenco di lune del Sistema Solare.

Per farla breve (ma divertente!), l’amico di Nasser alla NASA (Liz Landau) ha capito cosa era successo. Il pianeta non era Zoozve, ma l’oggetto 2002 VE 68. Quando gli oggetti spaziali vengono visti per la prima volta, ricevono un nome provvisorio in base alla data della loro scoperta. La parte del numero iniziale, come avrai immaginato, si riferisce all’anno.

“La designazione provvisoria include l’anno della sua scoperta seguito da due lettere che indicano l’ordine della scoperta durante quell’anno. Gli oggetti scoperti tra il 1° e il 15 gennaio sono designati in ordine di scoperta, AA, AB, AC, e così via. Quelli scoperti tra il 16 e il 31 gennaio ricevono le lettere BA, BB, BC, e così via”, spiega l’Agenzia Spaziale Europea, aggiungendo che la J non viene utilizzata. “Le scoperte finali dell’anno, tra il 16 e il 31 dicembre, hanno designazioni nella serie YA, YB, YC.”

L’oggetto è molto più interessante delle normali rocce spaziali, essendo stato il primo del suo genere mai scoperto, a causa della sua orbita insolita.

“Come tutti gli asteroidi, la sua orbita lo porta intorno al Sole, con gli asteroidi più vicini al Sole che girano più rapidamente e completano un ‘anno’ in un tempo più breve. L’anno di VE68 è più breve dell’anno terrestre, con poco meno di 225 giorni”, spiega l’Osservatorio di Tuorla in un Comunicato stampa del 2004.

“Questo è quasi esattamente lo stesso ‘anno’ del pianeta Venere – e si scopre che come tuffatori sincronizzati alle Olimpiadi, sia VE68 che Venere stanno viaggiando intorno al Sole quasi in sincronia.”

Tracciando l’orbita di 2002 VE, hanno scoperto i primi quasi-lune, o quasi-satelliti, nel Sistema Solare. I quasi-lune, come suggerisce il nome, non sono esattamente lune. Orbitano intorno al Sole, ma sono anche influenzati dai pianeti lungo il loro percorso.

Dopo la scoperta di 2002 VE, sono state scoperte altre quasi-lune. Anche se queste lune possono venire e andare, La Terra ne ha due che sono state ufficialmente riconosciute.

2002 VE orbita intorno al Sole e incontra Venere da molto tempo, ma il team che ha descritto per la prima volta la sua orbita pensa che possa provenire da altrove.

“I nostri calcoli mostrano che è stato nel suo stato orbitale attuale per circa sette millenni e rimarrà lì per altri cinque secoli”, ha scritto il team nel loro articolo. “Gli avvicinamenti molto ravvicinati con Venere e Mercurio sono esclusi nell’intervallo di tempo di calcolo numerico affidabile dell’orbita, ma gli incontri ripetuti con la Terra si verificano. Dall’evoluzione dell’orbita di questo oggetto, concludiamo che potrebbe essere stato un asteroide vicino alla Terra, che, circa 7.000 anni fa, è stato inserito nella sua orbita attuale dall’azione della Terra.”

In un articolo successivo, quando erano state effettuate ulteriori osservazioni, sono stati trovati possibili incontri ravvicinati con la Terra, oltre a un percorso orbitale molto complicato.

“Abbiamo scoperto che 2002 VE68 rimarrà come un quasi-satellite di Venere per altri circa 500 anni e la sua evoluzione dinamica è controllata non solo dalla Terra, con un contributo non trascurabile anche dalla Luna, ma anche da Mercurio”, ha scritto il scritto dal team. “2002 VE68 mostra un comportamento resonante (o quasi-resonante) con Mercurio, Venere e la Terra. I nostri calcoli indicano che una collisione effettiva con la Terra nei prossimi 10.000 anni è altamente improbabile, ma gli incontri ravvicinati fino a 0,04 ua si verificano con una periodicità di 8 anni.”