I Neanderthal: Verità e Miti

Scopri la verità sui Neanderthal: abili, compassionevoli e influenti sulla nostra salute. Possibile ritorno alla vita?

immagine dell'articolo
Numero uno: erano enormemente attratti dall’estetica gotica. (Luka Mjeda, Zagabria, (CC BY 4.0))

Una volta, gli umani erano solo una delle numerose specie di ominidi che vagavano per il pianeta, cercando semplicemente di sopravvivere con nient’altro che un lobo frontale ipertrofico e un’atteggiamento testardo a loro nome. Oggi siamo soli e quei cugini evolutivi sono un mistero. Ma ecco la cosa: sappiamo più di loro di quanto si possa pensare.

La maggior parte di ciò che ti è stato insegnato dai programmi TV e dalla cultura popolare sui Neanderthal è completa sciocchezza. Ecco cinque fatti sorprendenti su di loro che potresti trovare interessanti.

  • I Neanderthal erano ancora in giro circa 40.000 anni fa, non così tanto tempo fa in termini evolutivi, e sicuramente dopo l’apparizione di Homo sapiens.
  • Neanderthal e umani hanno avuto una grande sovrapposizione, con stime che vanno da un paio di millenni fino a diecimila anni.
  • Il 99,7 percento del DNA di Neanderthal e dell’uomo moderno è identico, con europei e asiatici che hanno tra l’1 percento e il 4 percento di DNA di Neanderthal.
  • Sequenze di DNA ereditate dai Neanderthal hanno influenzato la suscettibilità a malattie come il COVID-19 grave, la depressione, il diabete di tipo 2 e la celiachia.

I Neanderthal non erano gli stupidi bruti che spesso vengono rappresentati. Erano abili fabbricanti di attrezzi, cacciatori esperti, intelligenti e capaci di comunicare. Le lesioni ossee guarite e non guarite trovate sui Neanderthal suggeriscono la loro abilità nel cacciare grandi animali a distanza ravvicinata.

Contrariamente alla rappresentazione comune, i Neanderthal non erano lenti, ma forti, atletici e eretti. La visione distorta di Boule nel 1911 ha contribuito a creare una falsa immagine di loro come creature primitive, mentre in realtà erano molto più simili a noi di quanto si pensasse.

I Neanderthal avevano un senso del luccichio e dello stile, come dimostrano i gioielli e i pigmenti ritrovati insieme ai loro resti. Questo suggerisce un pensiero simbolico e una cura per l’estetica.

Nonostante le difficoltà della loro vita, i Neanderthal erano premurosi e compassionevoli, prendendosi cura gli uni degli altri attraverso malattie e ferite. Erano in grado di sopravvivere fino alla vecchiaia nonostante le avversità.

Alcuni scienziati hanno seriamente considerato la possibilità di riportare in vita i Neanderthal, grazie ai rapidi progressi nella lettura e scrittura del DNA. Sebbene teoricamente possibile, ci sono ostacoli etici e legali da superare.

Il riportare in vita i Neanderthal potrebbe portare a nuove scoperte e a una maggiore comprensione della nostra evoluzione e delle nostre capacità cognitive.

Links: