Carcassa di un’enorme creatura marina scoperta in Indonesia: l’opinione degli esperti

I resti di misteriosa creatura lunga 15 metri sono stati trovati su una spiaggia indonesiana. Secondo gli esperti si tratterebbe di una balena, ma la specie non è chiara

Per diverse ore il mondo è rimasto a bocca aperta nell’osservare le immagini e i video che mostrano il ritrovamento di una gigantesca creatura marina, avvenuto nei pressi di una spiaggia indonesiana. Infatti il ‘mostro marino’, lungo 15 metri e rinvenuto sulle rive della spiaggia di Hulung a Seram Island, non solo non è stato immediatamente identificato gettando il mistero sul ritrovamento, ma ha completamente modificato la colorazione delle acque, solitamente cristalline, rendendole color rosso sangue. Quella rinvenuta è l’enorme carcassa dell’essere degli oceani e ha immediatamente destato la curiosità degli esperti che hanno analizzato il materiale fotografico per riuscire ad identificarlo: Alezander Werth, biologo marino del Hampden-Sydney College di Virginia, ha messo la parola fine al mistero che per ore ha attanagliato la popolazione indonesiana prima ed il resto del mondo poi, rivelando che la creatura ‘mostruosa’ sarebbe una balena.

Creatura marina misteriosa

Creatura marina misteriosa

“Ci sono tante cose nell’oceano che non conosciamo, ma non c’è niente di così grande che può restare sconosciuto” ha spiegato e diversi esperti hanno poi confermato che si tratterebbe di un esemplare appartenente al genere Balaenoptera anche se non è chiaro quale sia la specie. La conferma è legata alla presenza delle scanalature e della mandibola superiore dove sarebbero stati i fanoni, lamine cornee che servono per filtrare il cibo. Potrebbe trattarsi di una balenottera comune (Balaenoptera physalus), di una balenottera azzurra (Balaenoptera musculus) o ancora di una balenottera di Bryde (Balaenoptera brydei). Il fatto che si trovasse in stato avanzato di decomposizione, morta probabilmente da settimane se non addirittura da mesi, ha scatenato la fantasia di chi ha visionato le foto, anche perchè proprio a causa della decomposizione e del lavoro dei batteri associati, i segmenti della carcassa sono stati progressivamente gonfiati. Solitamente dopo la morte la balena finisce sul fondo dell’oceano e diventa cibo per le creature marine ma in questo caso il gas formatosi all’interno non è fuoriuscito dal corpo della creatura, facendo galleggiare la balena fino a riva.

Lascia un commento

*