Google Maps: ora funziona anche con pianeti e satelliti

La piattaforma di Google Maps consente di analizzare le superfici dei pianeti del Sistema Solare e della maggiori lune. Ecco come funziona.

Sono quindici i satelliti e i pianeti, esclusa la Terra, ”navigabili” attraverso Google Maps. I passi da gigante dell’esplorazione spaziale, negli ultimi anni, hanno consentito agli esperti di mettere a punto un sistema che permetta di analizzare la superficie di diversi corpi celesti del Sistema Solare. I pianeti disponibili nella lista sono: Mercurio, Venere, Marte e Plutone mentre i satelliti sono: Ganimede, Dione, Titano, Giapeto, Europa, oltre alla nostra Luna. Ora proprio tutti possono effettuare un’esplorazione dello spazio osservando ciò che le sonde, in questi anni, hanno catturato.

Google Maps: ora funziona anche con pianeti e satelliti

Google Maps: ora funziona anche con pianeti e satelliti

Il programma funziona allo stesso modo della ”classica” versione di Google Maps che permette di spostarsi nelle città. Ogni pianeta o satellite è accompagnato da una serie di note che segnalano la presenza di monti, rilievi, vallate e crateri. Il servizio è il frutto di un lungo lavoro che ha visto che gli esperti di Google raccogliere migliaia di immagini di sonde e telescopi. Gli scatti sono stati raccolti in enormi collage che mostrano all’utente, in maniera federe, la rappresentazione di pianeti e satelliti.

Ecco il link del servizio: https://www.google.com/maps/space/venus/@0,14.7694579,9577547m/data=!3m1!1e3

Lascia un commento

ERROR: si-captcha.php plugin: GD image support not detected in PHP!

Contact your web host and ask them to enable GD image support for PHP.

ERROR: si-captcha.php plugin: imagepng function not detected in PHP!

Contact your web host and ask them to enable imagepng for PHP.