Coronavirus, zoo in crisi: “Potremmo essere costretti a uccidere alcuni animali per sfamarne altri”

La direttrice di uno zoo tedesco ha spiegato che non ci sono più soldi per sfamare gli animali. Da qui la drammatica possibilità

Una situazione talmente preoccupante che potrebbe costare addirittura la vita a molti animali. È un annuncio scioccante quello che arriva dalla diretttrice dello zoo di Neumünster, che si trova nel nord della Germania: interpellata dal quotidiano Die Welt ha infatti annunciato che non è più possibile nutrire gli animali a causa del fatto che non vi sono più soldi disponibili. Verena Kaspari ha sottolineato dunque che si potrebbe arrivare ad una soluzione estrema ovvero ucciderne alcuni per poterne sfamare altri spiegando che è già stata “stilata una lista degli animali da uccidere per primi”.

Pur sottolineando che questa sarebbe chiaramente l’ultima spiaggia e la decisione più difficile di tutti, la direttrice ha aggiunto che non sembrano essere al momento altre possibilità spiegando inoltre che neppure questo consentirebbe di risolvere i problemi economici dello zoo. Infatti alcuni animali, come pinguini e foche, devono mangiare quotidianamente grandi quantità di pesce. “Se necessario – ha dichiarato – preferisco uccidere gli animali piuttosto che farli morire di fame”. La pandemia di coronavirus dunque sta avendo effetti drammatici non solo sulle persone ma anche sugli animali che dall’uomo vengono sfamati. Gli zoo sono stati chiusi proprio nel periodo in cui i visitatori sarebbero arrivati in grandi quantità azzerando da un giorno con l’altro tutte le entrate economiche ma non cancellando le uscite.