Coronavirus, l’OMS contro i caroselli a Napoli: ‘Sciagurati’

La difesa del Primo Cittadino: “A Napoli contagi zero”.

Sono dichiarazioni pesanti quelle rilasciate da Ranieri Guerra, esperto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sui festeggiamenti avvenuti nella serata di ieri a Napoli per la vittoria della Coppia Italia. “In questa fase non possiamo permetterci comportamenti di questo tipo. Per fortuna – continua lo studioso – è accaduto a Napoli, dove il governatore e il sindaco hanno messo in campo misure restrittive e la diffusione del virus è più moderata che altrove. Fa male – continua Ranieri Guerra – assistere a queste immagini. Ricordo quanto ha contato la partita dell’Atalanta all’inizio dell’epidemia“. Il match di Champions tra la squadra bergamasca e il Valencia, giocata a Milano il 19 febbraio, ha contribuito notevolmente a diffondere il virusl nella città orobica. “Non vorrei – avverte – che si ripetesse proprio ora, che il Comitato Tecnico Scientifico ha cercato di accogliere le proposte del Federazione Italiana Giuoco Calcio“.

Coronavirus, l’OMS contro i caroselli a Napoli: ‘Sciagurati’

A ribattere alle accuse è il primo cittadino della città partenopea: “Solo chi non conosce Napoli può pensare che dopo una vittoria contro la Juventus di Sarri e di Higuain, i napoletani sarebbero rimasti in casa a esultare tra le quattro mura . A Napoli ormai contagio zero – aggiunge – e ciò non significa che in città c’è superficialità visto che mercoledì sera, in piazza, c’erano solo napoletani”. L’ex Pubblico Ministero ha dichiarato, però, di sentirsi amareggiato per alcuni danneggiamenti registrati ai beni monumentali come la cosiddetta Fontana del Carciofo in Piazza Trieste e Trento. Nell’impeto dei festeggiamenti, i tifosi hanno sfondato la cancellata che delimitava la fontana salendo sulla struttura festeggiando con balli e canti.