Funghi in grado di sopravvivere su Marte, la scoperta sull’Iss

Bassissima pressione e sotto un fitto bombardamento di raggi ultravioletti. Sono le condizioni a cui sono stati sottoposti dei funghi sulla Stazione Spaziale Internazionale (Iss). Si tratta di funghi prelevati dalle fredde calotte antartiche e quindi adatti ai climi più estremi. Gli organismi, apposti su speciali piattaforme realizzate dagli esperti dell’ESA, hanno vissuto le condizioni più difficili, non lontane da quelle tipiche di Marte.

Funghi in grado di sopravvivere su Marte, la scoperta sull'Iss

Funghi in grado di sopravvivere su Marte, la scoperta sull’Iss

Si chiamano Cryomyces minteri e Cryomyces antarcticus e sono gli esseri in grado di sopravvivere in un ambiente del tutto ostile ad ogni altra forma di vita. La pressione a cui sono sottoposti, ad esempio, è appena un centesimo di quella terrestre; un dato molto vicino alle condizioni di Marte. Ma proprio per replicare le condizioni del pianeta rosso i funghi antartici hanno vissuto anche a contatto con i gas che compongono l’atmosfera marziana. Ad ora più della metà dei funghi sono riusciti a resistere.