Spazio: registrata la ‘musica’ delle stelle di neutroni

I segnali radio delle pulsar sono stati raccolti in una sorta di ”compilation spaziale”.

L’agenzia spaziale federale russa Roscosmos ha pubblicato su YouTube un video con la “musica” emessa dalle stelle di neutroni in rapida rotazione. Le pulsar sono corpi celesti estremamente densi, risultanti dall’esplosione di una supernova, ed emettono radiazioni molto intense a intervalli brevi e regolari. Gli esperti di Roscosmos hanno tradotto i segnali radio dei corpi celesti in onde sonore. “Quando si traduce la frequenza dei segnali in onde sonore, possiamo ottenere una sorta di musica – spiegano gli esperti nella descrizione del video ripreso dall’emittente RT. La sequenza dei suoni riportata nel video si basa sui dati ripresi dal telescopio spaziale Spectrum-R del progetto Radioastron. Ad essere registrate sono le emissioni delle pulsar B0329+54, B0525-21, B0531+21, B0809+74 ed altre.

Le pulsar nascono quando una stella esplode diventando supernova con il collasso delle sue regioni interne e l’ingrandimento del campo magnetico originario. L’elevata velocità di rotazione alla superficie è una delle caratteristiche fondamentali delle pulsar e dipende dal numero di rotazioni al secondo sul proprio asse e dal suo raggio. La scoperta delle stelle di neutroni risale al 1967 grazie a Jocelyn Bell e Antony Hewish, due esperti che analizzavano i quasar. La regolarità del segnale molto regolare destò subito interesse nel mondo scientifico.

Il video