Terremoto India: fango liquido fuoriesce dal terreno. Il video

Il fenomeno dei vulcanelli di fango è comune nelle aree colpite da forti sismi.

Un forte terremoto di magnitudo 6.2 è stato registrato oggi nello stato indiano dell’Assam, con epicentro individuato a circa 17 chilometri a nord-ovest della città di Dhekiajuli, secondo i dati del Centro Sismologico Europeo del Mediterraneo (EMSC). Il terremoto si è verificato a una profondità di 10 chilometri ed è stato avvertito distintamente in varie città del nord-est dell’India, spingendo gli abitanti a fuggire dalle proprie case. Subito dopo la scossa, sono diventate virali, sui social, le immagini che mostrano la violenza del terremoto che ha provocato alcuni danni a diversi edifici.

Durato circa 30 secondi, il terremoto non ha provocato vittime, anche se i danni alle abitazioni più vetuste sono ingenti. Pochi minuti dopo, una scossa di assestamento di magnitudo 4.9 è stata registrata nella stessa regione a 35 chilometri di profondità, secondo l’USGS. Un altro fenomeno legato al sisma, è la fuoriuscita di fango liquido dal terreno. Si tratta di un fenomeno perché l’onda sismica agisce comprimendo e rilasciando gli strati di terreno che incontra sul suo cammino. Strati in cui è presente normalmente dell’acqua di falda e che, dunque, risalgono verso l’alto.