Vita extraterrestre: su Trappist-1e acqua e clima mite

Trappist-1e è il pianeta adatto ad ospitare acqua allo stato liquido. I risultati della ricerca.

Non smette di destare curiosità Trappist-1, il sistema planetario collocato a 39 anni luce di distanza da noi, nella Costellazione dell’Acquario. I corpi celesti individuati intorno alla nana rossa sono apparsi fin dalla scoperta incredibilmente simili al nostro Sistema Solare. Pianeti rocciosi che ruotano a distanze differenti intorno ad una stella notevolmente più piccola del Sole; una nana rossa di classe M, ultrafredda e con una massa pari a circa il 9% del Sole. Dei sette oggetti, è stato individuato uno, in particolare, caratterizzato da condizioni particolarmente favorevoli all’acqua allo stato liquido. Si tratta di Trappist-1e, uno dei tre pianeti, insieme a Trappist-1f ed 1g, collocato nella zona abitabile, quella ristretta area dove la distanza dalla stella consente la presenza di acqua allo stato liquido.

Vita extraterrestre: su Trappist-1e acqua e clima mite

Vita extraterrestre: su Trappist-1e acqua e clima mite

Al di là di questa striscia di spazio troviamo Trappist-1d, orbitangte sul bordo esterno, quindi troppo freddo, e l’infernale Trappist-1b, la cui prossimità alla stella rende la temperatura talmente alta da non consentire nemmeno la formazione delle nubi di acido solforico, come accade, invece, su Venere. Trappist-1e è, dunque, il maggiore indiziato per la presenza di acqua, rappresentando una scelta eccellente per nuovi studi sulla complessa scienza dell’abitabilità planetaria.